Lo scorso 24 maggio Lorenzo Degli Esposti di ISTEC CNR si è classificato secondo alla 11° Competizione Nazionale GiovedìScienza rivolta a ricercatori under 35.

La competizione, bandita dall’associazione CentroScienza Onlus, mira a  promuovere la comunicazione della scienza e premia l’eccellenza nell’ambito della divulgazione, invitando i giovani partecipanti a spiegare la loro ricerca al pubblico in meno di dieci minuti.

Lorenzo, assegnista di ricerca, ha parlato dell’uso di materiali ceramici innovativi a base di calcio fosfato per la rigenerazione del tessuto dentale e per la cura delle carie.

Nell’ambito dell’evento organizzato il 18 maggio 2022, dedicato alla Visita del Tecnopolo Faenza-Ravenna, al termine della Conferenza tenutasi presso il Centro di Ricerca Ambiente, Energia, Mare, di Marina di Ravenna, gli Assessori Regionali Vincenzo Colla (Assessore allo sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione della Regione Emilia-Romagna) e Paola Solomoni (Assessore alla scuola, università, ricerca, agenda digitale della Regione Emilia-Romagna) si sono diretti a Faenza per la visita ai Laboratori di Istec, Enea, Ciri MAM, Certimac.

Immagini Visita ISTEC

ISTEC a Futuro24 – Innovazione dai materiali avanzati nella giornata del 3 maggio 2022 su SPAZIO e SALUTE

Il programma di divulgazione scientifca Futuro24, in onda ogni settimana su RAI NEWS 24, ha ospitato alcuni ricercatori che lavorano nei Laboratori del CNR dove si sperimentano nuovi materiali per future missioni spaziali, per agricoltura di precisione, per la purificazione dell’acqua e per la salute.

La striscia Futuro24 è ideata e condotta dal giornalista Andrea BETTINI il quale, settimanalmente, percorre l’Italia andando a scovare quelle realtà di eccellenza che rendono il nostro un grande Paese di pensatori.

Ascolterete dalla voce dei ricercatori le esperienze di frontiera dei centri di ricerca attivamente impegnati nella progettazione dei nuovi materiali per la futura esplorazione dello spazio, per monitorare la salute delle piante o per migliorare la qualità di vita delle persone affette da patologie gravi.

Potete ascoltare e rivedere l’intervista collegandovi direttamente a questo link.

Il 20 e il 22 maggio Cnr Istec sarà presente a Firenze alla Fiera Didacta, il più importante appuntamento fieristico sull’innovazione del mondo della Scuola.

I ricercatori di Cnr Istec proporranno due accattivanti eventi formativi destinati agli insegnanti delle scuole primarie e secondarie e validi per il rilascio di attestato di frequenza attività formativa.

Il Workshop immersivo “Che forza il cioccolato”, che verrà proposto ai docenti delle secondarie superiori, veicola informazioni sulla classificazione e sulla meccanica dei materiali mediante lo svolgimento di una prova di flessione a tre punti con diverse tipologie di barrette di cioccolato (al latte, fondente, nocciolato, etc.). L’esperienza consente di comprendere che i materiali rispondono alle sollecitazioni meccaniche in base alla composizione, microstruttura e forma del componente. Le prove di flessione con le barrette di cioccolato sono un eccellente esempio di come il processo di fabbricazione può modificarne la microstruttura e, quindi, anche le proprietà meccaniche.

Clicca qui per il programma completo e per iscriverti.

Il seminario “Ossa, energia solare, navicelle spaziali: let’s do ceramics” proporrà ai docenti della scuola primaria semplici esperienze hands-on riproducibili in classe, che hanno la ceramica come comune denominatore.

Le esperienze riguardano la creazione di capsule intelligenti per il trasporto di farmaci e la nanomedicina, la determinazione della conducibilità dei materiali conduttori ed isolanti, la riproduzione dei legami di base di ceramici in funzione della temperatura.

Clicca qui per il programma completo e per iscriverti.

Per informazioni rivolgersi a: Valentina Biasini

Il 4 e 5 maggio 2022 dalle 10:30 alle 12:30 presso la sala convegni di Romagna Tech avrà luogo un progetto di Introduzione alle Nanotecnologie, organizzato da CNR ISTEC e rivolto a cinque classi del Liceo Torricelli-Ballardini di Faenza per un totale di 107 studenti.
Il programma di ciascuna giornata prevede una lezione frontale di introduzione alle nanotecnologie seguita da dimostrazioni pratiche di applicazioni nei settori della salute, della motoristica, dei tessuti, della depurazione delle acque, alle quali gli studenti assisteranno a rotazione.

Per informazioni contattare: Valentina Biasini

Changegame: cambiamo il nostro gioco!

Il progetto di divulgazione scientifica “CHANGEGAME – Change the Game: giocare per prepararsi alle sfide di una società sostenibile”, di cui ISTEC CNR è partner, ha ottenuto un finanziamento di 83.962 euro dal CNR.

Il progetto, che, grazie al kick-off del 29 aprile, è al via e durerà due anni, intende realizzare serious game digitali e non, differenziati a seconda dell’età degli studenti di scuola primaria, secondaria di I grado e di II grado, allo scopo di promuovere tra i giovani le conoscenze sui temi della ricerca di frontiera collegata al Green Deal e agli obiettivi dell’Agenda ONU 2030.

Ai giochi saranno affiancati percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento, un sistema di monitoraggio, attività di aggiornamento e materiali di approfondimento per insegnanti, e la creazione di Linee Guida Metodologiche. Si cerca in questo modo di ridurre le distanze tra il mondo della scuola e quello della ricerca e far sì che le aree strategiche su cui la ricerca del CNR opera, incontrino i più giovani.

Il progetto è coordinato da Armida Torreggiani di ISOF CNR e prevede la collaborazione di tanti Istituti CNR, molti dei quali coinvolti nel Network Nazionale de’ Il Linguaggio della Ricerca: ISMAR (Bologna), IGM (Bologna), ISMN (Bologna e Palermo), SCITEC, IMATI, IBF (Genova), IC (Roma e Bari), ICCOM, ISC, IFAC e IBE (Firenze), STIIMA (Biella), IFN (Roma), ICB (Sassari), etc.

Grazie alle tante competenze CNR su ambiti differenti, sarà così possibile aumentare la coscienza sociale sui temi come la sostenibilità, l’economia circolare, i cambiamenti climatici, le sfide della biomedicina, ecc. coinvolgendo i giovani in un apprendimento più motivante a partire dai banchi di scuola.

Per info: Valentina Biasini

Workshop “Calce. Arte, Restauro, Edilizia di Qualità – Re-Lime 2022”
Pietramontecorvino (FG) – Teatro Comunale S. Pardo e Palazzo Ducale
5-6 maggio 2022

L’evento è organizzato dal CNR-ISTEC in collaborazione con il Comune di Pietramontecorvino (FG) e l’Istituto Religioso di Formazione ed Istruzione Professionale (I.R.F.I.P.) di Pietramontecorvino.

Chairman Re-Lime 2022: Michele Macchiarola, CNR-ISTEC Faenza (RA).

Scarica il programma dell’evento
Scarica il flyer dell’evento

Sacrica il Libro dei Riassunti

ISTEC a Radio RAI -L’Italia Che Va, GR Parlamento- nella giornata del 7 febbraio 2022 sulla tematica SPAZIO

Lo storico programma “L’Italia Che Va” racconta l’Italia che non ti aspetti. Una rubrica ideata e condotta da Daniel Della Seta, il paese delle eccellenze con i suoi fatti, notizie e curiosità. Tante storie, incontri ed esperienze dall’Italia che lavora. Storie, realtà imprenditori di successo, artigianato e PMI protagoniste con le esperienze dei giovani manager eredi di vicende di capitalismo familiare.

Oggi andiamo nello spazio e sulla luna! con L’Italia Che Va in onda dalle 7:20 alle 8:00 sulle frequenze di GR Parlamento RAI con la conduzione di Daniel Della Seta! Ascolteremo le storie di startup, aziende e centri di ricerca sempre made in Italy impegnati nella costruzione di satelliti, velivoli spaziali, droni, cybersecurity e tanto altro!

Potete ascoltare l’intervista nel Podcast del 7 febbraio 2022 e tramite Facebook.

      

 

Due brevetti nati da team di ricerca di CNR-ISTEC tra i finalisti del premio IPA 2021 – Il Premio dedicato alle ECCELLENZE DELLA RICERCA PUBBLICA ITALIANA

 

Il Ministero dello Sviluppo Economico, attraverso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM) con la collaborazione di Netval ha organizzato l’Intellectual Property Award, aprendo un bando per selezionare i migliori brevetti tecnologici italiani sviluppati da Università, Centri di Ricerca e istituti di ricovero e cura a carattere scientifico.

Il bando è stato un successo e ha visto la partecipazione di 38 candidature da parte di Enti e Università. riferite a ben 216 brevetti nelle 7 aree tecnologiche che sono oggi riferimento dell’economia globale: dalle scienze della vita alla sicurezza informatica, IA e Big Data, passando per le tecnologie verdi, materiali alternavi e fonti rinnovabili, senza dimenticare il settore agritech, la mobilità futura e l’aerospazio.

Dopo la valutazione di un’apposita Commissione, sono state selezionate le 35 invenzioni, 5 per ognuna delle aree tecnologiche sopra indicate, che hanno guadagnato l’opportunità di essere presentate nel prestigioso palcoscenico del Padiglione Italia all’Esposizione internazionale di Dubai (Expo 2020 Dubai), lo scorso 28 febbraio e 1 marzo. Si è trattato dell’ultima tappa della competizione, che ha visto premiare i 7 migliori brevetti italiani, uno per area tecnologica, ritenuti maggiormente meritevoli e capaci di produrre innovazione (scarica qui il brief).

Il Dr. Luca Zoli e il Dr. Jan Hostaša, del CNR-ISTEC, hanno partecipato portando a Dubai due delle quattro tecnologie candidate dall’Unità Valorizzazione della Ricerca (UVR) del CNR, nello specifico Near-zero erosion, ultra high temperature ceramic composite [1] nell’area tecnologica AEROSPAZIO e Process for the production of transparent ceramics [2] nell’area tecnologica TECNOLOGIE GREEN E MATERIALI ALTERNATIVI.

La presenza dell’Ente a Dubai e la possibilità di presentare le nostre invenzioni ha rappresentato un premio e una vetrina per chi è impegnato ogni giorno nel creare processi più efficaci e nuovi prodotti o per rendere quelli già disponibili più rispondenti alle esigenze di una società in costante evoluzione. Uno stimolo per continuare a coltivare e consolidare quel ponte tra la ricerca tecnologica, l’innovazione e il mondo delle imprese e degli investitori.

La cerimonia di presentazione dei finalisti e di proclamazione dei vincitori è visibile ai seguenti link:
giorno 1; giorno 2.

[1] Materiali compositi a base di fibre C/SiC con matrice ultrarefrattaria ad alta tenacità e resistenza all’ablazione / composite material based on c/sic fibers with ultra-refractory, high tenacity and ablation resistant matrix, n° 10201600000831027 (CNR10464), inventori: Diletta Sciti, Luca Zoli, Valentina Medri” ; Concesso in IT e US, depositato in EU.

[2] Processo basato su litografia per la produzione di ceramiche trasparenti e ceramiche trasparenti così ottenute, n. 102020000005998, PCT/EP2021/057169 inventori: Valentina Biasini, Jan Hostaša, Laura Esposito, Andreana Piancastelli, Guido Toci, Martin Schwentenwein, Dominik Philipp Brouczek.

 

Nella giornata dell’8 marzo, Istec unitamente agli altri Istituto del CNR, ha osservato un minuto di silenzio per manifestare contro la guerra, in particolare per sostenere tutte le donne che loro malgrado si sono trovare coinvolte nel conflitto.

Zenit Smart Polycrystals


Zenit Smart Polycrystals S.r.l., lo spin off del CNR costituitosi nel 2021, ha raccolto un primo round di investimento da venture capital e investitori industriali internazionali per portare sul mercato una tecnologia innovativa per applicazioni laser.

Zenit Smart Polycrystals, spin-off dell’Istituto di scienza e tecnologia dei materiali ceramici (CNR-ISTEC), ha ottenuto dalla Operating Investment Company torinese LIFTT e dalla austriaca Lithoz GmBH un investimento che consentirà di produrre entro 12 mesi il Proof of Concept preliminare all’ingresso su un mercato, quello delle macchine laser a stato solido (SSL), in continua crescita e parte di un’industria il cui valore complessivo, di qui al 2025, si prevede attestarsi sui 18 miliardi di euro.

Zenit nasce all’interno del distretto ceramico faentino: il gruppo di ricerca del CNR-ISTEC che lo ha fondato dopo 10 anni di ricerche ha preso spunto dalla specializzazione del territorio sulla produzione di materiali ceramici, brevettando un processo che permette di realizzare mediante stampa 3D componenti policristallini trasparenti con composizione chimica variabile nelle tre dimensioni.

I policristalli Zenit, e in particolare il tipo e la distribuzione degli ioni droganti nel volume del componente, sono progettati in modo da dissipare il calore che si genera durante il processo di emissione laser, minimizzando così il degrado delle prestazioni causato dai gradienti termici e dai correlati indesiderati effetti termici e ottici.

Questo permette di ridurre i costi di produzione e di progettare e ottimizzare le prestazioni della sorgente laser per le diverse applicazioni. È grazie alla flessibilità di forma e composizione che i policristalli Zenit consentono di superare la tecnologia dominante basata sul monocristallo per la produzione di sorgenti laser a stato solido.

Il mercato di riferimento è amplissimo ed in continua crescita: la tecnologia laser a stato solido è ampiamente utilizzata nelle lavorazioni meccaniche, nelle applicazioni nel settore medicale (chirurgia oculistica o dermatologica,) nella ricerca scientifica militare e negli strumenti di misura. Zenit offre policristalli anche per il mercato dei rivelatori a scintillazione e quello emergente dei fari laser per le automobili.

LIFTT, il Venture Capital, fornirà supporto manageriale e consulenziale orientato alla definizione dei mercati verticali di riferimento con maggiori potenzialità di sviluppo. LITHOZ, un’azienda austriaca leader nella produzione di macchine per la stampa 3D ceramica fornirà supporto organizzativo, logistico, oltreché di expertise e tecnologico.

Per informazioni:

Zenit Smart Polycrystals www.zenitpolycrystals.it

Laura Esposito laura.esposito@zenitpolycrystals.it

MEDFil, progetto di ricerca industriale innovativo coordinato da ISTEC-CNR, co-finanziato dal POR-FESR della Regione Emilia-Romagna 2014-2020 e dal Fondo Sviluppo e Coesione (FSC), ha sviluppato una nuova famiglia di filtri multifunzionali con elevate capacità di scambio di calore e umidità (HMEf) per l’identificazione precoce di infezioni delle vie respiratorie.
Tali filtri sono stati ottenuti coniugando materie prime a basso costo, derivanti da scarti di aziende alimentari e biomedicali per fornire al Sistema Sanitario un dispositivo multifunzionale che
ottimizza le proprietà dell’aria somministrata, filtra e rileva agenti patogeni, aiutando così a prevenire infezioni, come ad esempio la polmonite bilaterale, delle vie respiratorie.
Il workshop “MEDFil: un Filtro HME Ecosostenibile per la salute dell’uomo” che si terrà il 1 dicembre p.v. sarà l’occasione per approfondire insieme ai partner sia scientifici che industriali i risultati ottenuti e i prototipi testati sul campo nell’ambito del Progetto e gettare le basi per nuovi sviluppi futuri.

>> Scopri di più sul PROGETTO
>> Scarica il PROGRAMMA

La partecipazione al workshop è gratuita previa iscrizione.

MEDFil: un Filtro HME Ecosostenibile per la salute dell’uomo