05_home.jpg

HIGH-TECH E NANOTECNOLOGIE

L’interesse sui ceramici per l’edilizia, le costruzioni, impieghi tecnici e strutturali è al centro delle attività di ISTEC, con lo sviluppo di materiali e componenti prototipali a base argillosa, ossidica e non ossidica.

Gli studi sui materiali da costruzione e per l’edilizia puntano alla progettazione e sviluppo di componenti alleggeriti, di spessore ridotto e dalle caratteristiche estetiche implementate.

Le applicazioni di ceramici strutturali nei settori della meccanica, dei trasporti e dell’elettronica richiedono proprietà e prestazioni sempre più stringenti: ad elevate caratteristiche termo-meccaniche devono essere associate proprietà fisiche specifiche: dilatazione controllata, conduttività elettrica, stabilità in ambienti severi. Una classe di materiali di grande attualità è quella dei ceramici ultra-refrattari (UHTC) per i quali il comparto aerospazio ha espresso grande interesse.

Nell’ambito dei geopolimeri, si progettano e sviluppano isolanti termo-acustici e ignifughi, leganti o rivestimenti refrattari con procedimenti a basso impatto ambientale, consumi energetici trascurabili e quindi a costi complessivi limitati.

La progettazione di sistemi nanoparticellari per applicazioni estetiche e funzionali suscita oggi rinnovato interesse nei comparti industriali più disparati. La modifica delle proprietà chimico-fisiche ed estetiche di superfici (deposizione di rivestimenti, smalti o inchiostri nanoparticellari) consente di conferire ai materiali (dalla ceramica, ai compositi e metalli fino ai tessuti) nuove funzionalità che spaziano dalla capacità di degradazione di sostanze inquinanti, alla rimozione di macchie organiche e cariche batteriche fino alla possibilità di attivare meccanismi di “autopulenza”.