04_home.jpg

Chi Siamo

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) è Ente pubblico nazionale con il compito di svolgere, promuovere, diffondere, trasferire e valorizzare attività di ricerca nei principali settori di sviluppo delle conoscenze e delle loro applicazioni per lo sviluppo scientifico, tecnologico, economico e sociale del Paese.
L’Istituto di Scienza e Tecnologia dei Materiali Ceramici (ISTEC-CNR) si configura come l'unica struttura di ricerca del CNR, e la più grande struttura italiana operante nel paese con programmazione poliennale, specificamente indirizzata allo studio globale dei materiali ceramici. ISTEC-CNR ha la sua sede a Faenza.

Le attività dell'ISTEC-CNR, coerentemente alla missione del CNR, riguardano attività di ricerca, iniziative di sostegno alla formazione, alla valorizzazione e disseminazione dei risultati. Il Personale consta di 40 dipendenti di ruolo CNR e altre 15-20 unità di personale temporaneo a vario titolo: assegnisti, contrattisti, ospiti stranieri, dottorandi, tirocinanti e studenti in tesi.

Cenni Storici
ISTEC-CNR nasce nel 1965 a Faenza, definita, per tradizione culturale, Città delle Ceramiche. Il suo nome, nella versione francese Faïence, ha infatti qualificato nei secoli un prodotto artistico unico e di prestigio.
Faenza, culla della tradizione d’arte ceramica, vuole anche testimoniare il proprio primato nel campo della cultura scientifica, della ricerca, della tecnologia e dell’innovazione. Obiettivo è coniugare Arte e Scienza.
Il richiamo a Torricelli è di obbligo, perché a questo scienziato si lega l’origine di ISTEC-CNR.  A questa brillante mente strettamente legata alla città di Faenza è doveroso un tributo, le cui scoperte relative all’esistenza del vuoto e alla pressione atmosferica hanno segnato una svolta nelle conoscenze scientifiche dell’epoca moderna. Il filo che da Torricelli conduce all’ ISTEC-CNR si snoda attraverso la grande esposizione torricelliana che ebbe luogo nell’ex convento di San Maglorio a Faenza, nel 1908, per celebrare il trecentesimo anniversario della nascita del grande matematico. Questo evento, grazie alle donazioni degli espositori, per opera di Gaetano Ballardini, segnò la nascita nel 1912 del Museo Internazionale delle Ceramiche, che ancora oggi si qualifica per la completezza delle collezioni ceramiche dal perido pre-colombiano ai nostri giorni come uno dei primi al mondo. Negli anni successivi lo stesso primo e geniale studioso di ceramiche antiche, Gaetano Ballardini, fondò anche la Scuola d’Arte per la Ceramica, il più prestigioso ed antico istituto italiano di istruzione superiore, specificatamente dedicato alla scienza e tecnologia delle ceramiche artistiche ed industriali a base argillosa.

Proprio all’interno dell'Istituto Statale d'Arte per la Ceramica, nel 1965, ha origine la storia dell'attuale ISTEC-CNR, come Gruppo di Ricerca, sotto la direzione del fondatore, il Dr. Tonito Emiliani, al tempo anche Direttore dell’Istituto d’Arte per la Ceramica. Nel 1970 il Dr. Emiliani condusse l’espansione del Gruppo di Ricerca a Centro di Ricerca. Nel 1975 il Centro di Ricerca fu ampliato a Laboratorio cui fu assegnata una sede propria, parte di quella attuale. Nel 1980 il Laboratorio fu trasformato in Istituto, denominato Istituto di Ricerche Tecnologiche per la Ceramica - IRTEC, nome che è rimasto fino al completamento della riforma del CNR, all'inizio del 2002.

Nel 2002 l’Istituto, a seguito della riforma del CNR, è diventato “Istituto di Scienza e Tecnologia dei materiali Ceramici”.

Sulla base delle esigenze iniziali, l'Istituto fu indirizzato allo studio dei ceramici tradizionali. Nel proprio processo di crescita, recependo il modificarsi degli interessi scientifici a livello internazionale e, tenuto conto della situazione nazionale, ha destinato sempre crescenti risorse al settore dei ceramici avanzati.

Dal 2005 al 2012, a seguito della riforma e strutturazione dipartimentale del CNR, ISTEC-CNR ha afferito al Dipartimento “Sistemi di Produzione”, partecipando anche con propri gruppi di ricerca ai Dipartimenti di “Medicina”  ed “Energia e Trasporti”.

A seguito dell'entrata in vigore del nuovo Statuto del CNR in data 1 maggio 2011, nelle more della definizione dei Dipartimenti, ISTEC afferisce in via provvisoria al Dipartimento di Scienze Chimiche e Tecnologie dei Materiali.

Il CNR, in ottemperanza del Decreto Legislativo 33/2013, ha predisposto un Programma Triennale della Trasparenza, relativamente al periodo 2014-2016, consultabile alla Sezione Amministrazione Trasparente del CNR.